CAI - Sezione di Muggiò - Vai alla pagina iniziale  
CAI - Sezione di Muggiò - Vai alla pagina iniziale
CAI - Sezione di Muggiò - Vai alla pagina iniziale
   CAI - Sezione di Muggiò - Vai alla pagina iniziale   CAI Muggiò
       
Torna alla pagina precedente

Alpinismo - 13 giu 2021

Pizzo Arera (BG) - Mt 2.512 - Trekking e ascesa - Con mezzi propri

Pizzo Arera - Mt 2.512
DOVE: Pizzo Arera (BG)
QUANDO: Domenica 13 giugno 2021
Ritrovo ore 6:30 in piazza del Burghett-Muggiò (con mezzi propri)
DESCRIZIONE: Alpi e Gruppo: Prealpi - Prealpi Lombarde - Gruppo Pizzo Arera
Punto di partenza: partenza dei vecchi impianti da sci dell'alpe Arera (comune di Oltre il Colle, quota mt 1.590)
Difficoltà: EEA - Dislivello: mt 922
Tempo di salita: 2h30 - Totale: 4h00
Abbigliamento di montagna + attrezzatura: scarponi adatti, caschetto, imbrago, moschettoni, picozza, ramponi, corda, telefono satellitare.
Portare acqua e barrette energetiche.
Punto di appoggio: Capanna 2000.

Accesso
Da Bergamo si seguono le indicazioni per la Val Brembana; una volta passato il paese di Zogno si svolta a destra nella Val Serina, la si risale fino alla località Zambla Alta (comune di Oltre il Colle).
All'inizio del paese si svolta a sinistra (cartello indicatore) e si arriva con strada in leggera discesa nei pressi di un campeggio.
Da questo punto la strada si innalza bruscamente fino a raggiungere un parcheggio non asfaltato in prossimità della partenza dei vecchi impianti sciistici ad una quota di circa 1.600 mt.
E' necessario munirsi di ticket per il parcheggio acquistabile da una colonnina alla base della salita (4 €).

Descrizione della salita
Dal parcheggio parte una strada agro-silvo-pastorale che bisogna seguire fino a raggiungere il rifugio Capanna 2000 (1.960 m), dal quale inizia il sentiero che segue il crestone sud del Pizzo Arera.
La traccia è molto ripida e sale zigzagando fino a giungere appena sotto l'anticima della montagna (quota circa 2.400 m).
Da qui inizia la parte tecnicamente più difficile della salita: si raggiunge un ripido ghiaione da percorrere con attenzione in discesa per una ventina di metri.
Poi si entra in una crepatura nella roccia che si risale utilizzando dei gradini metallici e alcune catene fisse.
Superato questo tratto il percorso risale bruscamente a zig-zag e in poco tempo si raggiunge la croce di vetta, aiutandosi in qualche tratto con le mani.

Discesa: come per la salita.

MASSIMA PRUDENZA: Prima di salire informarsi sul rischio di valanghe e difficoltà
INFORMAZIONI E REFERENTI: Marco, tel. 338.241.70.76 - Matteo, tel. 389.987.68.22

Per ulteriori informazioni, contattaci.
Webmaster: Sergio Barbieri   -   www.caimuggio.com   -   Hosting su piattaforma Apache