CAI - Sezione di Muggiò - Vai alla pagina iniziale  
CAI - Sezione di Muggiò - Vai alla pagina iniziale
CAI - Sezione di Muggiò - Vai alla pagina iniziale
   CAI - Sezione di Muggiò - Vai alla pagina iniziale   CAI Muggiò
       
Torna alla pagina precedente

Gite in giornata - Sabato 19 set 2020

Rifugio Azzoni (mt 1.860) - Monte Resegone - Con mezzi propri

Rifugio Azzoni e vetta del Resegone
DOVE: Rifugio Azzoni (mt 1.860) - Vetta del Resegone
QUANDO: Sabato 19 settembre 2020
PROGRAMMA: Ore 8.00: ritrovo a Morterone, all'inizio del sentiero.
Da Lecco seguire le indicazioni per la Valsassina.
Dopo la galleria, raggiungere Ballabio.
Qui seguire le indicazioni per Morterone.
La piccola località montana è raggiungibile dopo circa 16 km di tornanti.
Oltrepassare la chiesa e salire fino ai parcheggi nei pressi della piattaforma di atterraggio per gli elicotteri.
DESCRIZIONE: L'itinerario più classico di salita alla vetta del Resegone - di 1.875 metri - che spicca al di sopra della città di Lecco.
Pochi metri al di sotto della sua cima sorge il rifugio Azzoni, punto di sosta accogliente e rigenerante al termine di questa salita impegnativa solo dal punto di vista fisico, visti gli 850 metri di dislivello.
Dal punto di vista tecnico, infatti, il sentiero non presenta problemi e ed è percorribile da chiunque, purché adeguatamente allenato.

 - Difficoltà: E - Tempo totale di percorrenza A/R: ore 3h30-4h00 (salita 2h00)
 - Dislivello in salita: mt 850 - Altezza max: mt 1.860

PERCORSO
Si sale prima sul prato verso le rovine di una baita, poi, dopo aver incontrato i cartelli segnavia, si prosegue nel bosco nel bosco.
Il punto di partenza è prima della galleria sulla destra ed è comunque ben segnato da alcuni cartelli.
Si lascia la strada (siamo alla Forcella d'Olino, circa 1.170 mt) per addentrarsi nel bosco con un largo sentiero, si cammina per 20 minyi senza grossi dislivelli e si arriva a una casetta in cemento; da lì parte un primo sentiero che porta a Morterone, però noi teniamo la destra e iniziamo a salire sempre nel bosco.
Ad un certo punto del sentiero sembrano perdersi le tracce, alcuni passaggi sono un po' stretti ma alla fine arriveremo ad incrociare (salendo rimane sulla destra) il sentiero principale, ben battuto.
Ci conviene guardare bene in giro per prendere dei punti di riferimento, in quanto al ritorno dovremo ripercorre la via al contrario.
Giriamo a sinistra sul sentiero principale che prosegue sempre nel bosco con leggeri saliscendi.
Questo tratto di sentiero è ben battuto, e troveremo lungo la strada alcuni cartelli che oltre ad rassicurarci che stiamo seguendo la via giusta ci daranno il tempo mancante alla vetta.
Dopo circa 30 minuti arriveremo alle sorgenti delle Forbesette a circa 1.350 mt metri di dislivello.
Dopo un'altra mezz'ora il sentiero inizia a farsi più ripido e ad uscire dal bosco; da qui inizia la ripida salita finale tra i prati e il pietrisco.
Alla fine si aprirà la vista prima sulla croce e poco dopo sul rifugio Azzoni sottostante.
In tutto dalla partenza consideramo 2 ore di salita fatta con calma.
ISCRIZIONI: Iscrizioni presso la sede CAI Muggiò, negli orari di apertura.

Per ulteriori informazioni, contattaci.
Webmaster: Sergio Barbieri   -   www.caimuggio.com   -   Hosting su piattaforma Apache